lunedì 6 gennaio 2014

Focaccia alle olive e mandorle


Cara mamma,
lo so che ogni giorno guardi il mio blog per vedere la nuova ricettina del giorno.
So anche che hai sconfitto ostacoli di mouse e computer per potermi commentare la ricetta.
Quando ero piccola, mi davi i ritagli della pizza o della pasta frolla e io ci facevo degli immangiabili biscotti bitorzoluti. Iniziavo ad innamorarmi della cucina e poche ciambelle mi riuscivano col buco.
Ti ricordi quando montavamo la panna A MANO perché ancora non c'erano le fruste elettriche e ci davamo il cambio appena ci venivano i crampi al braccio?
E ancora, quando per nascondere la torta di compleanno a Manu, mettendola in alto, sopra il frigo, hai perso l'equilibrio e te la sei spalmata addosso?
Mamma, sono passati più di 20 anni: abbiamo un segreto, uno scheletro nell'armadio, io e te. Sarà caduto in prescrizione ormai, quindi ho deciso di svelarlo.


Una volta avevamo ospiti e con mamma stavamo preparando il salame di cioccolato.  
Passò di là una zanzara che si posò sull'anta, proprio sopra la ciotola dell'impasto. Io d' istinto la colpii con una bella manata per schiacciarla. Lei rimase attaccata all'anta un paio di secondi, dopo di ché scivolò nell'impasto.
Io e mamma ci guardammo nel panico. Dopo un minuto avevamo riflettori e lenti di ingrandimento puntate su un impasto che ironia della sorte aveva esattamente lo stesso colore della zanzara. Si era completamente mimetizzata e non ci fu verso di trovarla. Mia mamma, figlia di un tempo in cui non si buttava via nulla, con fare deciso, impastò il salame, lo mise in frigo a rassodare e la sera lo servì agli amici. 
-"Moni, - mi disse con un solo sopracciglio alzato per farmi intendere che non era bello servire qualcosa e non mangiarlo con gli ospiti,- assaggiane uno anche tu." 
-"No grazie, mam..."
-"Ti ho detto. Mangiane. Uno. Anche. Tu."
Lei prese una fettina e ne offrì una a me.
E lo mangiammo guardandoci.
Da quel giorno, mai più salame di cioccolato senza zanzara.
   
Cara mamma, questa focaccia la dedico a te, per il tuo amore per la cucina, per la  curiosità che avevi ( e che hai!) di provare ricette sempre nuove, per essere riuscita con precisione svizzera, cadesse il mondo, a farci cenare tutti alle 19,30 precise, per avermi passato tutte le ricette classiche, avermi insegnato a rompere le uova, a fare un ottimo risotto e...il salame di cioccolato.
Questa ricetta la dedico a te, perché tutto quello che so, parte da una buona base.
La tua.





Ho utilizzato 2 tegliette 15x20


300 g farina

1 patata
mezzo cubetto di lievito fresco (12 g)
mezzo bicchiere d'acqua
sale
olive con mandorla
sale grosso, olio


Sbucciare la patata, tagliarla a pezzetti e cuocerla in acqua salata. Schiacciarla con la forchetta e unirla alla farina. Si otterrà un composto granuloso. Lasciare che la patata si raffreddi un po'. Nel frattempo sciogliere in un bicchiere con un dito d'acqua tiepida, il lievito fresco. Fare la fontana con la farina e versarci il lievito. Iniziare a lavorare l'impasto aggiungendo a poco a poco mezzo bicchiere circa di acqua tiepida fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Aggiungere anche un cucchiaino di sale.
Formare una palla, sistemarla in una ciotola leggermente oliata, incidere una croce al centro e coprirla con un panno umido. Lasciare lievitare fino al raddoppio (un paio d'ore circa). Riprendere la pasta, sgonfiarla lavorandola un paio di minuti. Metterla nella teglia oliata, stirandola con le dita per allargarla. Coprirla con una coperta e farla lievitare ancora per 1 ora.
Disporre le olive distanziate, cospargere di sale grosso e olio.
Cuocere a 170° per 20min  e poi alzare la temperatura a 200° per altri 10 minuti.



20 commenti:

  1. Che bello!!! Mi sono fatta due risate grazie alla zanzara...:)))))!!!
    Bella la tua focaccia e sono belle le parole dedicate a tua mamma.

    RispondiElimina
  2. Noooooo...AhAhAhAh la zanzara nel salame di cioccolato? Troppo forte la tua mamma :)
    E che dire di questa focaccia? Ne ruberei un pezzetto.
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Ficou linda e fofa, adoro mas apenas fiz com tomate e alecrim.

    Beijinhos

    RispondiElimina
  4. Mamma adesso piangerà ed io vorrei una fetta di salame al cioccolato con zanzara!!!!

    RispondiElimina
  5. Che belli questi ricordi.. e questo " ingrediente" segreto nel salame di cioccolato poi è la fine del mondo.. buon anno a te e alla tua dolce mamma..

    RispondiElimina
  6. Sei grande tesoro! Senza smancerie sei riuscita a descrivere il rapporto con tua madre facendomi commuovere e gli aneddoti sono pazzeschi...la zanzara nel salame direi che è un must adesso cosi come questa focaccia davvero profumata e saporita!!!Baci grandi

    RispondiElimina
  7. Il tuo racconto è ricco di sentimenti diversi e di emozioni, semplicità, gratitudine, affetto, complicità, allegria, la tua mamma sarà molto contenta
    Ti ho già detto quanto io ami gli impasti salati? Se sono nervosa faccio il pane, a volte con buoni risultati, questa la farò sicuramente,
    un abbraccio, Daniela

    RispondiElimina
  8. Cara Monique, buon inizio! Quanta dolcezza fra queste righe che mi hanno riportato in una cucina indietro nel tempo. Ogni tanto mi dimentico… la mia mamma è stata la persona che mi fatto amare i fornelli. La focaccia mi piace sempre. Grazie e un bacio grande.

    RispondiElimina
  9. Dietro una grande donna non può che esserci una mamma super (non sempre è così ma in questo caso lo è ) e se tua mamma legge questo post la ringrazio perché è grazie a lei che io conosco te <3
    Anche a me l'amore per la cucina è stato trasmesso da mia mamma, che fa cose buonissime senza usare bilancia e cose complicate, la sua cucina del cuore è sempre la più buona.
    Un abbraccio Moni e ora vado a leggermi bene la ricetta di questa invitante focaccia.

    RispondiElimina
  10. Deliziosissima....
    Buon anno cara!

    RispondiElimina
  11. Io ti adoro. Lo sai vero?
    PS: sei guarita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non del tutto Roby, vado a rilento e non è da me. Questo virus mi ha ammazzato:-(

      Elimina
  12. Mia madre mise l'aceto sulle fragole, al posto del vino... fu persino ripresa dalla telecamera che stava provando mio fratello, mentre mi diceva: "zitta, zitta, non dire niente..." E però, non erano male neanche loro! :D
    Bei ricordi <3

    RispondiElimina
  13. ecco, io mi sono commossa, pensando che..avrei tanto voluto fare queste cose con mia madre ma...le faccio con mia figlia...e spero che un giorno lei le ricordi come te, con dolcezze e ironia, anche perchè anche io metto la cena in tavola alle 19.30 precise....cascasse il mondo! però la panna montata a mano me la ricordo anche io...facevo a metà con mia nonna!

    RispondiElimina
  14. Ciao! auguri di buon anno!! focaccia sfiziosa...mi piace!!

    RispondiElimina
  15. Per prima cosa.come stai?
    mi hai emozionato sai?tanto,come tutte le volte che la tua impareggiabile ironia lascia il posto ai tuoi ricordi più intimi....Io l'ho vissuta poco mia mamma,ma l'ho vissuta bene,l'ho prosciugata con la mia avidità di bimba,boh forse sentivo che di tempo a disposizione non ce ne sarebbe stato molto...Ho rubato modi di fare,ricette ,la memoria mi ha aiutato a rendere indelebili quegli anni.
    Mi ci sono immersa nelle tue parole,vivendole.
    Grazie,semplicemente.
    (la zanzara nel salame...oh...è FICHISSIMAAA)
    Monica

    RispondiElimina
  16. Che splendide parole che hai dedicato alla tua mamma :-D Carino l'aneddoto del salame al cioccolato, penso che d'ora in poi non lo mangerò + :-P mentre mi farei volentieri fuori questa focaccia insolita ma decisamente invitante ^_^
    la zia Consu

    RispondiElimina
  17. Ciao Monique!Molto divertente l'episodio della zanzara....e dolcissimi i ricordi....mi ci ritrovo...anche io e mia madre cuciniamo spesso insieme, e lei mi asseconda sempre, in tutti i miei esperimenti, ci divertiamo tantissimo, sono questi i momenti più belli...
    Ps-ottima la focaccia :)
    Un abbraccio,
    Francesca

    RispondiElimina
  18. di solito la focaccia mi rimane sempre bassettina, proverò questa tua ricetta perchè ha un aspetto davvero delizioso :9
    Nicole

    RispondiElimina
  19. Mi sono immaginata la scena :) Sai far ridere e intenerire allo stesso tempo ...Non puoi scrivere un bel libro di 600 pagine? ;D la focaccia è troppo invitante!

    RispondiElimina

APPREZZO consigli, critiche, opinioni, domande, nuove amicizie e semplici saluti.
Visto che non guadagno a commento, sarei molto più felice averne pochi e sinceri che tanti ma ad cazzum.

I commenti ANONIMI NON FIRMATI saranno cancellati.